7 frutti acidi di cui non potrai fare a meno

La frutta acida include frutti come arance, ananas, limoni, lime, pompelmi, mandarini, melograni, fragole, kiwi e mirtilli. Molti di questi frutti acidi contengono flavonoidi, nutrienti, potenti antiossidanti, vitamina C e potassio. I flavonoidi presenti in questi frutti aiutano ad inibire la crescita delle cellule tumorali e anche a prevenire la diffusione dei tumori. I nutrienti sono utili per curare le ferite, e a schermare il corpo dai radicali liberi dannosi.

Includere la frutta acida nella propria dieta è un fattore molto positivo, stando però attenti a non esagere e a bilanciare con alimenti alcalini per non incorrere in acidosi e gastrite.
Mangiare frutta acida non è di per sé nocivo, purché l'assunzione sia regolarizzata. Mangiare troppa frutta acida potrebbe aumentare i livelli di pH nel corpo e causare acidosi, una condizione che si verifica quando il corpo ha un livello di pH inferiore a 7,35. Tra le altre conseguenze di un ambiente troppo alcalino vi sono i calcoli renali, aumento del grasso corporeo e la riduzione della massa muscolare in quanto l'acido, anche se è un elemento nutritivo sano e biologico, a volte può irritare delle parti particolari del nostro corpo.



Le arance

Tutti gli agrumi sono frutti acidi. Le arance contengono 170 diversi fitonutrienti e più di 60 flavonoidi conosciuti. Questi sono molto utili per ridurre le infiammazioni, ridurre i tumori, e per inibire la formazione di coaguli nel sangue. L'esperidina presente nelle arance può contribuire ad abbassare la pressione sanguigna e il colesterolo. Questi frutti possiedono inoltre bioflavonoidi, acido citrico e pectina, calcio, vitamina C e possono aiutare a combattere i problemi cardiaci, gli ictus e la stitichezza.

I limoni

Il limone è uno dei frutti invernali con potere drenante, il più potente tra tutti gli agrumi. Il limone uccide i parassiti intestinali e dissolve i calcoli biliari e da alcuni studi sembra che essi aiutino a combattere i tumori, i problemi cardiaci, gli ictus, la stitichezza, e a pulire sangue e nervi. Infine il limone contiene calcio, fosforo, magnesio, potassio ed è perfetto per la pulizia intestinale, oltre ad avere un effetto alcalinizzante. Bere tutte le mattine una spremuta di limone o acqua e limone è un'abitudine sana e consigliata per eliminare le tossine.

Le fragole

Le fragole possiedono molte sostanze nutritive come la vitamina C, l' acido folico, il manganese, il rame e il ferro. Da alcuni studi è emerso che possono aiutare a contrastare il morbo di Alzheimer, a ridurre il colesterolo cattivo, a sopprimere la crescita di tumori al colon, alla prostata e al cavo orale. Proprietà portentose insomma!

I pompelmi

La pectina contenuta nel pompelmo rinforza i vasi sanguigni e i capillari e riduce l'accumulo di placca aterosclerotica. Il succo di pompelmo facilita la costipazione e migliora la digestione, inoltre esso è in grado di ridurre l'appetito e di aiutare nella perdita di peso. Pare che il pompelmo sia un ottimo aiuto contro tumori, problemi cardiaci, ictus, e stitichezza. Come se non bastasse, aiuta la digestione, contrasta le patologie vascolari e favorisce la rimozione del calcio inorganico dalle articolazioni.

Frutti esotici come l'ananas, il lime e il kumquat

L'ananas promuove la salute delle articolazioni, riduce le infiammazioni e ha proprietà diuretiche e digestive. Esso inoltre è un frutto ricco di vitamina C e un leggero lassativo con sostanze come calcio, acido folico, magnesio, manganese e beta-carotene. Il lime ben maturo contiene bioflavonoidi, acido citrico, pectina, calcio, fosforo, magnesio e potassio ed aiuta a combattere la stitichezza. Infine il Kumquat, o mandarino cinese, possiede molte proprietà e oli essenziali, utili per il sistema nervoso e le vie respiratorie. Tra le tante sostanze nutritive del kimquati troviamo calcio, beta-carotene, vitamina C, ferro e magnesio.

Saltare i pasti fa male?

Capita a tutti di saltare i pasti: o perchè si ha fretta o perchè si pensa che così facendo si possa perdere peso. Ma saltare ...