Comfort food: 5 cibi da mangiare quando si è tristi

cibi da mangiare quando ci si intristice

Quando ci si sente tristi si tende spesso a riversare il proprio malumore sul cibo, cercandone consolazione. La cosa non è poi così strana, infatti numerose ricerche hanno dimostrato come effettivamente esistano degli alimenti che, una volta mangiati, possono allontanare o comunque diminuire il senso di tristezza che ci pervade. Questi alimenti oltreoceano vengono comunemente definiti "comfort food", intensi come cibi che permettono di nutrire sia il corpo che l'anima, in quanto regalano al corpo una vera e propria sensazione di benessere capace di scacciare la tristezza.

Non riesco a mangiare, sono triste

Vi sarà capitato di essere presi da un'improvvisa tristezza e di sentire un nodo allo stomaco. Che sia per la fine di una storia o per una giornata storta, la tristezza a volte ci impedisce perfino di mangiare. Altre volte, invece, siamo presi da fame nervosa e da veri e propri attacchi di fame difficili da gestire. Cos'è il comfort food? Per noi il "comfort food" è quel piatto o alimento che riporta all'infanzia, ai ricordi e alla sicurezza dei tempi passati e felici.

cibi per scacciare la tristezza

Peerayot || Shutterstock

Sfatiamo però un mito molto diffuso: il comfort food non è solamente quel cibo calorico e ricco di zuccheri e grassi, come ad esempio possono essere junk food e dolci. Rientrano nella categoria anche numerosi cibi sani, che, una volta mangiati quando ci si sente tristi, consentono di tornare di buonumore, ma senza far salire l'ago della bilancia.

Lasagne

Un classico cibo scaccia-tristezza sono indubbiamente le lasagne o la pasta al forno. Perchè? Principalmente perchè è uno dei piatti della tradizione delle domeniche in famiglia e, generalmente, viene associato ai momenti di festa, in cui la famiglia tende a riunirsi felicemente assieme. La sensazione di felicità che regala questo alimento, quindi, non è tanto dovuta agli ingredienti contenuti al suo interno, ma alla sensazione di convivialità che richiama alla mente.

Pizza

È meglio mangiare carboidrati a pranzo o a cena? Se siete un po' giù non fissatevi sulle calorie... Ogni tanto si può sgarrare. Il cibo anti-tristezza per eccellenza della tradizione culinaria italiana è senza ombra di dubbio la pizza: basta già solo nominarla che subito la tristezza si allontana! Se ce n'è bisogno, anche a dieta si può mangiare la pizza.

tra i comfort food vi è la pizza

majatoni || Shutterstock



La pizza, infatti, contiene carboidrati, che a loro volta sono ricchi di serotonina e dopamina. Queste sono due delle sostanze che influenzano i neurotrasmettitori naturalmente presenti all'interno del nostro corpo, facilitando l'aumento del buonumore. Se non vuoi ingrassare evita, però, di sceglierla ricca di condimenti calorici, e dirigiti su una classica pizza margherita.

Gelato

Ormai è tipica dell'immaginario comune la classica scena dei film in cui una ragazza, in un momento di particolare tristezza, cerca di consolarsi affondando il cucchiaino in un barattolo di gelato.

e non solo d'estate, il gelato si può mangiare anche in inverno! Quando pensiamo al gelato pensiamo ai chili di troppo, ma in realtà, di per sè, rappresenta invece un alimento ricco di sostanze nutritive, e un perfetto sostitutivo di un pasto. Per gustare un buon gelato nei momenti tristi senza poi doversi accollare anche il senso di colpa basta scegliere gusti alla frutta ed evitare tutti quelli a base di creme.

Latte e cereali

Non l'avresti mai pensato, vero? Ebbene sì: il latte con i cereali è un mix ideale per tornare a sorridere. A colazione o a cena quando non si ha molta fame, questa combinazione è un toccasana per il buonumore. Uniamo il latte fresco o, se siete intolleranti al lattosio, le alternative al latte vaccino e un bel mix di cereali.

latte con cereali per colazione

Ramon Antinolo || Shutterstock

Quante mattine passate da piccoli a guardare i cartoni animati con una bella tazza di latte e avena! I cereali fanno bene perchè sono alimenti ricchi di fibre, che stimolano positivamente l'apparato digerente, e di carboidrati, che forniscono energia al nostro organismo.

 

Cioccolato

Non potevamo non chiudere questa lista con l'alimento consolatorio per eccellenza: il cioccolato. Anche se pure questo alimento tecnicamente rientrerebbe nella lista dei dolci, è scientificamente provato che mangiare un quadratino di cioccolato al giorno, meglio se fondente, apporta numerosi benefici al nostro organismo. Questo alimento, infatti, è ricco di sostanze nutritive e in particolare di magnesio, che a sua volta stimola la produzione delle endorfine, conosciute non a caso anche come "l'ormone del buonumore".